Menopausa e sonno

Stai attraversando la menopausa e non riesci a dormire? Non sei solo. La menopausa è un momento di grandi cambiamenti ormonali, fisici e psicologici per le donne e tutto questo cambiamento può devastare il loro sonno.



In media, circa il 12% delle donne soffre di disturbi del sonno. Man mano che le donne invecchiano tra i 40 ei 50 anni, quel numero aumenta notevolmente a 40 per cento . I problemi di sonno diventano più comuni e peggiorano durante la perimenopausa fino alla postmenopausa, quando le donne segnalano la maggior parte dei problemi di sonno.

Una donna raggiunge menopausa un anno dopo l'interruzione del ciclo mestruale, il che accade intorno ai 52 anni. Le ovaie di una donna riducono gradualmente la produzione degli ormoni estrogeni e progesterone durante la perimenopausa, un periodo di da sette a dieci anni prima della menopausa. Questi cambiamenti ormonali contribuiscono a problemi di sonno che spesso continuano nella postmenopausa, il periodo dopo la menopausa.



Quali problemi di sonno sono associati alla menopausa

I sintomi della menopausa possono variare da donna a donna e durante la perimenopausa fino alla menopausa. I problemi di sonno sono comuni, con disturbi del sonno che colpiscono dal 39 al 47% delle donne in perimenopausa e dal 35 al 60% delle donne in postmenopausa.

I problemi di sonno più comuni riportati dalle donne in menopausa includono vampate di calore, insonnia, disturbi respiratori del sonno e altri disturbi dell'umore e del sonno .

Vampate di calore

Le vampate di calore sono sensazioni improvvise e inaspettate di calore su tutto il corpo accompagnate da sudorazione. Le vampate di calore iniziano in faccia prima di diffondersi al petto e al resto del corpo. Possono durare fino a 30 secondi o fino a cinque minuti. Le vampate di calore colpiscono dal 75 all'85% delle donne in menopausa. Le vampate di calore si verificano in genere per circa sette anni, ma possono continuare per più di dieci anni.

Le vampate di calore che si verificano di notte sono anche conosciute come sudorazioni notturne. Prima della vampata di calore, la temperatura corporea di una donna aumenta e il flusso sanguigno aumenta al viso, creando una sensazione di calore che li sveglia. Le vampate di calore sono estremamente energizzanti a causa dell'aumento del calore e dell'adrenalina, che possono rendere difficile riaddormentarsi. Anche se una donna si riaddormenta velocemente, lei qualità del sonno soffre a causa dei frequenti risvegli e fastidi, provocando stanchezza il giorno successivo. Delle donne con forti vampate di calore, quasi il 44% soddisfa i criteri clinici per l'insonnia cronica.

Insonnia

Insonnia descrive una difficoltà cronica ad addormentarsi o rimanere addormentata che si verifica più di tre notti a settimana. Gli individui con insonnia sperimentano un sonno agitato, perdono il sonno generale, si svegliano presto e spesso si sentono assonnati e stanchi durante il giorno. La privazione del sonno dovuta all'insonnia può aumentare sentimenti di ansia e irritabilità , compromettere la concentrazione e la memoria e aumentare il mal di testa e l'infiammazione .



Un adulto su sette soffre di insonnia cronica. Per le donne, quel numero è quasi il doppio, con una donna su quattro sperimentando alcuni sintomi di insonnia. Il rischio di insonnia aumenta in menopausa, con ben il 61% delle donne in postmenopausa che riferiscono sintomi di insonnia.

Respirazione con disturbi del sonno

Russare e l'apnea notturna sono più comuni e gravi nelle donne in postmeopausa. Apnea ostruttiva del sonno (OSA) è un disturbo del sonno caratterizzato da pause temporanee nella respirazione, che portano a suoni di respiro affannoso, russamento e soffocamento, insieme a una ridotta qualità del sonno.

OSA si verifica in 2 per cento delle donne . Una volta iniziata la perimenopausa, il rischio di una donna aumenta del quattro percento con ogni anno. Ricerche recenti suggeriscono che livelli di progesterone più bassi, come quelli osservati nelle donne in postmenopausa, possono contribuire allo sviluppo dell'apnea notturna. Sembra che il progesterone possa impedire il rilassamento delle vie aeree superiori che causa i vuoti respiratori associati all'OSA. Inoltre, le donne in postmenopausa in terapia ormonale sostitutiva hanno meno probabilità di avere OSA rispetto a quelle che non lo sono.

Altri disturbi dell'umore e del sonno

Altri disturbi del sonno possono svilupparsi durante la menopausa, incluso sindrome delle gambe agitate e disturbo dei movimenti periodici degli arti . Questi disturbi sono associati a movimenti involontari delle gambe che provocano sensazioni di disagio e interrompono il sonno.

I disturbi del sonno in menopausa sono spesso accompagnati da depressione e ansia, che possono peggiorare i problemi di sonno . Allo stesso modo, la mancanza di sonno può causare o contribuire a ansia e depressione .

Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

In che modo la menopausa influisce sul sonno?

Lettura correlata

  • donna che dorme nel letto
  • donna che tiene bambino addormentato
  • donna incinta, che a letto sorridendo
La menopausa si verifica perché le ovaie di una donna smettono di produrre estrogeni e progesterone. Entrambi questi ormoni sono coinvolti nei processi corporei che influenzano l'umore, l'appetito, il sonno, il desiderio sessuale e altro ancora. Ad esempio, il progesterone può influenzare la pulsione respiratoria, quindi livelli più bassi possono contribuire all'apnea notturna e ai problemi di sonno associati.

Gli estrogeni svolgono un ruolo nel metabolismo della serotonina e di altri neurotrasmettitori che influenzano il nostro ciclo sonno-veglia. L'estrogeno aiuta anche a mantenere bassa la nostra temperatura corporea di notte, e quindi più favorevole al sonno ristoratore . L'estrogeno ha anche un effetto antidepressivo. Con meno estrogeni, le donne possono sperimentare temperature corporee più elevate, sonno di qualità inferiore e umore peggiore.

Anche il nostro ciclo sonno-veglia cambia con l'avanzare dell'età e perde la sua consistenza. Iniziamo a sentirci stanchi prima e ci svegliamo presto al mattino, portando a dormire meno in generale. Questo potrebbe anche spiegare perché gli adulti più anziani, comprese le donne in menopausa, sono a aumento del rischio di insonnia .
Mentre i cambiamenti di umore che si verificano con la menopausa potrebbero essere collegati ai cambiamenti ormonali, è anche possibile che siano causati da altri stress della vita che si verificano durante la menopausa. Anche la nidificazione vuota, la cura dei genitori anziani e le preoccupazioni per il proprio invecchiamento possono aumentare lo stress per le donne.

Le donne possono anche iniziare a prendere farmaci, a causa della menopausa o di altri sintomi dell'invecchiamento, che possono interferire con il loro sonno. Anche dolori articolari, dolori muscolari e problemi alla vescica associati all'età possono contribuire ai problemi del sonno.

Il trattamento della menopausa può migliorare il sonno?

Due comuni trattamenti per la menopausa includono la terapia sostitutiva con estrogeni (ERT), che aumenta gli estrogeni, e la terapia ormonale sostitutiva (HRT), che aumenta gli estrogeni e il progesterone. Entrambi questi trattamenti si sono dimostrati efficaci nell'alleviare i sintomi della menopausa, comprese vampate di calore, insonnia e umore.

Tuttavia, HRT pone seri rischi per alcune donne, in particolare quelle che hanno avuto coaguli di sangue, ictus, infarto e alcuni tipi di cancro. Di conseguenza, si raccomanda ai medici di prescrivere la terapia ormonale sostitutiva alla dose efficace più bassa e di utilizzarla solo come trattamento a breve termine. È importante parlare con il medico dei rischi e dei benefici della terapia ormonale sostitutiva, poiché esistono molti approcci per la gestione dei sintomi della menopausa.

Dosi inferiori di antidepressivi e SSRI, inclusa fluoxetina, paroxetina e venlafaxina, possono alleviare i sintomi della menopausa, comprese le vampate di calore. Alcuni, come il bazedoxifene, possono alleviare le vampate di calore aumentando anche la qualità del sonno.

I prodotti a base di soia, tra cui tofu, semi di soia e latte di soia, contengono fitoestrogeni. Questo ormone vegetale è simile agli estrogeni e alcune ricerche indicano che una dieta ricca di soia può aiutare ridurre al minimo le vampate di calore e migliorare il sonno. I fitoestrogeni come quelli che si trovano nella soia sono disponibili anche in integratori da banco come ginseng , cohosh nero , e estratto di trifoglio rosso . Tuttavia, gli integratori naturali non sono strettamente regolati dalla FDA, quindi la loro efficacia nell'alleviare i sintomi della menopausa ei loro potenziali effetti collaterali non sono completamente noti. È sempre una buona idea parlare con il tuo medico di eventuali trattamenti alternativi che stai prendendo in considerazione.

Melatonina , l'ormone naturale del sonno del tuo corpo, può anche essere assunto come farmaco da banco. Basse dosi di melatonina miglioramento dell'umore e dell'insorgenza del sonno nelle donne in postmenopausa. Come gli estrogeni e il progesterone, anche la melatonina diminuisce con l'avanzare dell'età .

Terapia comportamentale cognitiva (CBT) è anche efficace per alleviare l'insonnia, incluso sintomi associati alla menopausa . Nella CBT, lavori con un terapista esperto per riconoscere i pensieri e i comportamenti che hanno un impatto negativo sul tuo sonno e impari a sostituirli con comportamenti più sani che promuovono un buon sonno.

Suggerimenti per dormire meglio con la menopausa

Se hai problemi di sonno legati alla menopausa, consulta il tuo medico. Conoscono la tua storia medica personale e possono consigliare opzioni di trattamento appropriate, inclusi farmaci e cambiamenti nello stile di vita che possono migliorare il tuo sonno. Anche i seguenti suggerimenti per dormire possono aiutare.

  • Mantieni un peso e una dieta sani. I pesi corporei più elevati sono associati all'OSA e le donne tendono ad aumentare di peso dopo la menopausa. Evita pasti abbondanti e cibi piccanti o acidi prima di andare a letto, poiché potrebbero scatenare vampate di calore.
  • Evita nicotina, caffeina e alcol, soprattutto nel tardo pomeriggio e in prima serata. Queste sostanze possono disturbare il sonno e abbassare la qualità del sonno .
  • Usa il bagno prima di andare a letto per evitare di svegliarti presto o nel cuore della notte. Cerca di smettere di bere tutti i liquidi poche ore prima di andare a dormire.
  • Riduci il più possibile lo stress. I pensieri ansiosi e stressanti possono tenerti sveglio la notte, rendendo più difficile addormentarti. Massaggio regolare, esercizio fisico e yoga può aiutare ad abbassare i livelli di stress. Se ti senti depresso o ansioso, parla con un professionista della salute comportamentale.
  • Sviluppa una routine della buonanotte che ti rinfreschi e abbassi lo stress. Fai un bagno, ascolta musica o leggi. Prova alcune tecniche di rilassamento, come la meditazione o la respirazione profonda.
  • Sviluppa una routine per riaddormentarti se ti svegli dalla sudorazione notturna. Cerca di rimanere a letto con le luci spente ed evita di fare qualsiasi cosa che possa svegliarti ulteriormente, come guardare la TV. Tieni un cambio di vestiti sul comodino o un bicchiere di acqua fresca da bere.
  • Indossa un pigiama leggero per stare al fresco la notte o dormire nudo. Un'altra buona opzione sono i vestiti da ginnastica che assorbono l'umidità. Allo stesso modo, sostituisci la biancheria da letto con tessuti più freschi realizzati con fibre naturali come il cotone.
  • Mantieni la temperatura della tua camera da letto comodamente fresca. Abbassa il termostato della camera da letto a circa 65 gradi Fahrenheit. Tieni accesa l'aria condizionata di notte o posiziona un ventilatore vicino al letto per raffreddare ulteriormente l'aria e aumentare la circolazione.
  • Segui un programma di sonno regolare, andando a letto e alzandoti alla stessa ora ogni giorno. Evita di fare un pisolino durante il giorno, soprattutto per più di 20 minuti, in quanto ciò può interferire con la tua capacità di dormire la notte.

I problemi di sonno sono un'esperienza comune della menopausa, ma ci sono molte opzioni per alleviarli. Se i problemi di sonno persistono, cerca un terapista addestrato in CBT che abbia esperienza di lavoro con donne in menopausa.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +23 Fonti
    1. 1. Joffe, H., Massler, A. e Sharkey, K. M. (2010). Valutazione e gestione dei disturbi del sonno durante il passaggio alla menopausa. Seminari di medicina riproduttiva, 28 (5), 404–421. https://doi.org/10.1055/s-0030-1262900
    2. Due. Pinkerton, J. V. (2019, dicembre). Versione per consumatori del manuale Merck: Menopausa. Estratto l'11 gennaio 2021 da https://www.merckmanuals.com/home/women-s-health-issues/menopause/menopause
    3. 3. Lee, J., Han, Y., Cho, H. H. e Kim, M. R. (2019). Disturbi del sonno e menopausa. Journal of menopausal medicine, 25 (2), 83-87. https://doi.org/10.6118/jmm.19192
    4. Quattro. Silvestri, R., Aricò, I., Bonanni, E., Bonsignore, M., Caretto, M., Caruso, D., Di Perri, MC, Galletta, S., Lecca, RM, Lombardi, C., Maestri , M., Miccoli, M., Palagini, L., Provini, F., Puligheddu, M., Savarese, M., Spaggiari, MC, & Simoncini, T. (2019). Presa di posizione e linea guida dell'Associazione Italiana di Medicina del Sonno (AIMS) sul trattamento dei disturbi del sonno in menopausa. Maturitas, 129, 30–39. https://doi.org/10.1016/j.maturitas.2019.08.006
    5. 5. The Office on Women’s Health. (2017). Insonnia | Womenshealth.gov. Womenshealth.Gov. https://www.womenshealth.gov/a-z-topics/insomnia
    6. 6. National Heart, Lung, and Blood Institute. (n.d.-a). Insonnia | NHLBI, NIH. NHLBI. Estratto il 29 dicembre 2020 da https://www.nhlbi.nih.gov/health-topics/insomnia
    7. 7. Accademia americana di medicina del sonno. (2014). La classificazione internazionale dei disturbi del sonno - Terza edizione (ICSD-3). Darien, IL. https://aasm.org/
    8. 8. Ruchała, M., Bromińska, B., Cyrańska-Chyrek, E., Kuźnar-Kamińska, B., Kostrzewska, M. e Batura-Gabryel, H. (2017). Apnea ostruttiva del sonno e ormoni: una nuova intuizione. Archivi di scienza medica: AMS, 13 (4), 875–884. https://doi.org/10.5114/aoms.2016.61499
    9. 9. Mirer, A. G., Young, T., Palta, M., Benca, R. M., Rasmuson, A., & Peppard, P. E. (2017). Disturbi respiratori nel sonno e transizione menopausale tra i partecipanti al Sleep in Midlife Women Study. Menopausa (New York, N.Y.), 24 (2), 157-162. https://doi.org/10.1097/GME.0000000000000744
    10. 10. Oh, C. M., Kim, H.Y., Na, H. K., Cho, K. H. e Chu, M. K. (2019). L'effetto dell'ansia e della depressione sulla qualità del sonno degli individui ad alto rischio di insonnia: uno studio basato sulla popolazione. Frontiere in neurologia, 10, 849. https://doi.org/10.3389/fneur.2019.00849
    11. undici. Neckelmann, D., Mykletun, A. e Dahl, A. A. (2007). Insonnia cronica come fattore di rischio per lo sviluppo di ansia e depressione. Sleep, 30 (7), 873–880. https://doi.org/10.1093/sleep/30.7.873
    12. 12. Stepnowsky, C. J., e Ancoli-Israel, S. (2008). Sonno e suoi disturbi negli anziani. Cliniche di medicina del sonno, 3 (2), 281–293. https://doi.org/10.1016/j.jsmc.2008.01.011
    13. 13. Polo-Kantola, P., Erkkola, R., Irjala, K., Pullinen, S., Virtanen, I., & Polo, O. (1999). Effetto della terapia sostitutiva con estrogeni transdermici a breve termine sul sonno: uno studio incrociato randomizzato in doppio cieco su donne in postmenopausa. Fertilità e sterilità, 71 (5), 873–880. https://doi.org/10.1016/s0015-0282(99)00062-x
    14. 14. MedlinePlus: Biblioteca nazionale di medicina (USA). (2019, 19 dicembre). Terapia ormonale sostitutiva. Estratto l'11 gennaio 2021 da https://medlineplus.gov/hormonereplacementtherapy.html
    15. quindici. Cui, Y., Niu, K., Huang, C., Momma, H., Guan, L., Kobayashi, Y., Guo, H., Chujo, M., Otomo, A., & Nagatomi, R. (2015). Relazione tra l'assunzione giornaliera di isoflavoni e il sonno negli adulti giapponesi: uno studio trasversale. Diario di nutrizione, 14, 127. https://doi.org/10.1186/s12937-015-0117-x
    16. 16. Lee, H. W., Choi, J., Lee, Y., Kil, K. J. e Lee, M. S. (2016). Ginseng per la gestione della salute della donna in menopausa: una revisione sistematica di studi clinici in doppio cieco, randomizzati e controllati con placebo. Medicina, 95 (38), e4914. https://doi.org/10.1097/MD.0000000000004914
    17. 17. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa. (2020, maggio). Cohosh nero. NCCIH. https://www.nccih.nih.gov/health/black-cohosh
    18. 18. Ghazanfarpour, M., Sadeghi, R., Latifnejad Roudsari, R., Mirzaii Najmabadi, K., Mousavi Bazaz, M., Abdolahian, S. e Khadivzadeh, T. (2015). Effetti del trifoglio rosso sulla vampata di calore e sulle concentrazioni di ormoni circolanti nelle donne in menopausa: una revisione sistematica e una meta-analisi. Avicenna journal of phytomedicine, 5 (6), 498-511. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26693407/
    19. 19. Istituto nazionale sull'invecchiamento. (2017, 13 maggio). Problemi di sonno e menopausa: cosa posso fare? https://www.nia.nih.gov/health/sleep-problems-and-menopause-what-can-i-do
    20. venti. Jehan, S., Jean-Louis, G., Zizi, F., Auguste, E., Pandi-Perumal, SR, Gupta, R., Attarian, H., McFarlane, SI, Hardeland, R. e Brzezinski, A. (2017). Sonno, melatonina e transizione menopausale: quali sono i collegamenti? Scienza del sonno (San Paolo, Brasile), 10 (1), 11-18. https://doi.org/10.5935/1984-0063.20170003
    21. ventuno. Karasek M. (2004). Melatonina, invecchiamento umano e malattie legate all'età. Gerontologia sperimentale, 39 (11-12), 1723-1729. https://doi.org/10.1016/j.exger.2004.04.012
    22. 22. Spadola, C.E., Guo, N., Johnson, D.A., Sofer, T., Bertisch, S. M., Jackson, C.L., Rueschman, M., Mittleman, M. A., Wilson, J. G., & Redline, S. (2019). Assunzione serale di alcol, caffeina e nicotina: associazioni da notte a notte con durata e continuità del sonno tra gli afroamericani nel Jackson Heart Sleep Study. Sleep, 42 (11), zsz136. https://doi.org/10.1093/sleep/zsz136
    23. 2. 3. Woodyard C. (2011). Esplorare gli effetti terapeutici dello yoga e la sua capacità di aumentare la qualità della vita. Giornale internazionale di yoga, 4 (2), 49–54. https://doi.org/10.4103/0973-6131.85485