Terrori notturni

Per la maggior parte dei genitori, il risveglio al suono di un bambino che urla è un evento allarmante, in particolare quando i tentativi di confortare il bambino incontrano un'espressione che non risponde e arti agitati. Questo non è un incubo, è un terrore notturno.



Mentre i momenti che passano durante un terrore notturno possono sembrare lunghi e stressanti per un genitore, questi episodi di solito durano solo pochi minuti, dopodiché tuo figlio si riaddormenta rapidamente e non avrà alcun ricordo dell'episodio la mattina successiva.

I genitori hanno spesso domande e dubbi sui terrori notturni. Conoscere le loro cause, conseguenze e differenze rispetto ad altri comportamenti insoliti del sonno può aiutare i genitori a capire questi episodi e come prendersi cura al meglio del loro bambino.



Cosa sono i terrori notturni?

I terrori notturni, chiamati anche terrori del sonno, sono un tipo di parasonnia , classificato come disturbo dell'eccitazione, che si verifica durante il sonno non REM (NREM). Di solito si verificano durante le prime 3 o 4 ore della notte.

Una persona che sperimenta un terrore notturno inizierà improvvisamente a mostrare segni di panico e terrore mentre dorme, come urla, agitarsi o scalciare. Questo di solito è accompagnato da altri sintomi come battito cardiaco accelerato e respiro, arrossamento della pelle, sudorazione, dilatazione delle pupille e tensione dei muscoli .

Sebbene il bambino possa aprire gli occhi e sembrare intensamente spaventato da qualcuno o qualcosa nella stanza, in genere non risponde a coloro che cercano di svegliarlo o fornire conforto. Possono persino tentare di combattere o scappare, provocando lesioni accidentali a se stessi o ai membri della famiglia.

La maggior parte dei terrori notturni dura circa 10 minuti, ma in alcuni bambini può durare dai 30 ai 40 minuti. Dopo l'episodio, i bambini spesso ricadono in un sonno profondo e in genere non ricordano il terrore notturno del mattino successivo.

La frequenza dei terrori notturni può essere difficile da prevedere. Alcuni bambini possono sperimentarli molto raramente mentre altri possono avere uno o due episodi al mese.



Incubi contro terrori notturni

Incubi sono sogni spiacevoli o spaventosi che causano disagio emotivo. A differenza dei terrori notturni, gli incubi di solito si verificano durante il sonno REM e non implicano comportamenti fisici o vocali. È comune ricordare i dettagli o le sensazioni dell'incubo e alcuni possono persino diventare sogni ricorrenti.

Sia gli incubi che i terrori notturni iniziano durante l'infanzia. Si stima che dal 10% al 50% dei bambini di età compresa tra 3 e 5 anni soffra di incubi abbastanza gravi da disturbare i genitori o gli operatori sanitari. Sebbene i terrori notturni siano considerati meno comuni, i tassi di prevalenza non sono ben documentati. In generale, la prevalenza nei bambini è stata riportata come 1-6,5%. Tuttavia, uno studio ha scoperto fino a 40% dei bambini sotto i 5 anni sperimentato terrori notturni.

Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Chi è colpito dai terrori notturni?

I terrori notturni possono colpire persone di qualsiasi età, ma sono molto più comuni nei bambini piccoli che negli adolescenti o negli adulti.

Terrori notturni nei bambini

L'età più comune in cui si verificano i terrori notturni è oggetto di dibattito in corso. Molto spesso, questi episodi emergono quando un bambino ha un'età compresa tra i 4 ei 12 anni e si risolvono spontaneamente con l'adolescenza o la pubertà. Tuttavia, uno studio recente ha mostrato che l'età più comune per i terrori notturni era di 1,5 anni, fino a Il 35% dei bambini di questa età ha questi episodi .

Terrori notturni negli adolescenti

Sebbene manchino prove dettagliate, la prevalenza dei terrori notturni nei bambini sopra i 12 anni sembra essere bassa. La maggior parte degli adolescenti che hanno terrori notturni li hanno vissuti quando erano più giovani e supereranno questi episodi man mano che entreranno nell'età adulta. Uno studio lo descrive solo il 4% delle parasonnie come i terrori notturni persisteranno dopo l'adolescenza. La nuova insorgenza di terrori notturni negli adolescenti può essere correlata a trauma o disturbo psichiatrico .

In alcune situazioni sociali a questa età, come i pigiama party oi campi estivi, un adolescente con una storia di terrori notturni può provare ansia o imbarazzo. Può essere utile consultare un medico per identificare i fattori scatenanti o altre condizioni di salute che contribuiscono.

Terrori notturni negli adulti

Gli adulti sperimentano terrori notturni molto meno frequentemente dei bambini piccoli. 2,2% degli adulti hanno riferito di aver subito terrori notturni e pochissime persone di età superiore ai 65 anni (<1%) describe having night terrors.

Gli adulti con una storia infantile di terrori notturni possono avere una ricorrenza degli episodi, innescata da stress, privazione del sonno o dallo sviluppo di un altro disturbo del sonno. Come per gli adolescenti, il terrore del sonno negli adulti può essere di particolare preoccupazione a causa di un maggior rischio di lesioni a se stessi o ad altri membri della famiglia se si verifica un comportamento violento durante l'episodio. Raramente, adolescenti e adulti possono ricordare dettagli del terrore notturno.

Che cosa causa i terrori notturni?

Come altre parasonnie, ci sono alcune prove che i terrori notturni hanno una componente genetica e hanno maggiori probabilità di verificarsi in individui che hanno una storia familiare di parasonnia , in particolare un genitore o un fratello.

Inoltre, le persone che hanno altri disturbi del sonno come l'asma notturno, l'apnea ostruttiva del sonno, la sindrome delle gambe senza riposo o il reflusso gastroesofageo sono sempre più riconosciute nelle persone con terrori notturni. In particolare, apnea ostruttiva del sonno (OSA) , un disturbo respiratorio, è presente in più della metà dei bambini indirizzati ai medici per i terrori del sonno.

In generale, non esiste un'associazione significativa tra terrori notturni e disturbi psicologici, contrariamente a quanto suggerito in altri tipi di parasonnie.

Sebbene le condizioni sopra descritte possano predisporre qualcuno alle parasonnie, è stato dimostrato che una serie di fattori le innescano:

  • Febbre
  • Privazione del sonno
  • Ansia da separazione nei bambini
  • Periodi di disagio emotivo o conflitto
  • Interruzione del programma del sonno
  • Alcuni farmaci
  • Uso e abuso di alcol
  • Emicrania
  • Ferita alla testa

Quando vedere un dottore sui terrori notturni

La maggior parte dei bambini supererà gli episodi di terrore notturno, senza trattamento, e i tassi di prevalenza diminuiscono drasticamente negli adolescenti e negli adulti. Tuttavia, si dovrebbe sempre prendere in considerazione la consultazione di un medico sui terrori notturni, in particolare nei seguenti scenari:

  • Gli episodi si verificano 2 o più volte a settimana
  • Gli episodi provocano lesioni o quasi lesioni
  • I terrori notturni sono accompagnati da sonnambulismo o discorsi nel sonno
  • Una persona ha interrotto il sonno e / o la sonnolenza diurna o ha problemi di funzionamento
  • I terrori del sonno iniziano nell'adolescenza o nell'età adulta

Di solito è possibile fare una diagnosi segnalando al medico i sintomi e i comportamenti legati al sonno. Altri test possono essere raccomandati se una persona manifesta altri sintomi, come apnea notturna, enuresi notturna o convulsioni. Potrebbe essere necessario un rinvio a uno specialista del sonno per escludere altri disturbi del sonno o diagnosticare condizioni di salute sottostanti.

Come vengono prevenuti e trattati i terrori notturni?

Esistono diversi approcci per affrontare i terrori notturni ed è meglio lavorare con un medico per adattare il trattamento alle tue esigenze specifiche. Sapere come rispondere ai terrori notturni in questo momento è utile per ridurre al minimo gli eventi avversi quando si verificano e per fortuna gli episodi sono generalmente autolimitati.

Dovresti svegliare un bambino che sta avendo terrori notturni?

Quando un bambino ha un terrore notturno, è naturale voler offrire conforto. È meglio stargli vicino e assicurarti che non cadano o si feriscano. Tuttavia, non cercare di svegliare un bambino durante un terrore notturno. I tentativi di eccitazione possono prolungare la durata dell'episodio o provocare una risposta fisica che potrebbe portare a lesioni. Molto spesso questi episodi sono brevi e tuo figlio si riaddormenta rapidamente.

Se i terrori notturni si verificano ripetutamente, assicurati che la camera da letto di tuo figlio sia un ambiente sicuro rimuovendo tutti gli oggetti potenzialmente pericolosi e assicurando porte e finestre. Assicurati che anche altri assistenti e familiari sappiano cosa fare se si verifica un terrore notturno.

Qual è il trattamento per i terrori notturni?

I genitori dovrebbero essere assicurati che il trattamento potrebbe non essere necessario per i bambini che soffrono di terrori notturni meno di due volte al mese. La maggior parte dei bambini supererà naturalmente questi episodi man mano che crescono e il loro si sviluppano i sistemi nervosi .

Anche se i terrori notturni sono rari, è importante considerare cose che puoi fare per migliorare l'igiene del sonno di tuo figlio . Migliori abitudini di sonno possono ridurre la probabilità di terrori notturni, facilitare una migliore crescita e sviluppo e stabilire routine di sonno sane man mano che il bambino cresce. Dato che la privazione del sonno è un noto fattore scatenante dei terrori notturni, migliorare la qualità del sonno è un approccio comune per affrontare i terrori notturni più frequenti

Se un problema medico di base contribuisce ai terrori notturni, il trattamento di tale condizione medica può svolgere un ruolo fondamentale nella riduzione e / o nel trattamento dei terrori notturni. Un medico può aiutare a determinare se eventuali condizioni mediche sottostanti stanno contribuendo alla parasonnia e offrire un piano di trattamento specifico.

In alcuni casi, i farmaci possono essere presi in considerazione per i bambini con terrori notturni persistenti. Alcuni bambini rispondono al trattamento con farmaci simili sedativi e alcuni antidepressivi .

Trattamento del terrore notturno negli adolescenti e negli adulti

Gli adolescenti e gli adulti che sperimentano ripetuti terrori notturni possono trarre vantaggio dal lavorare con uno specialista del sonno che può aiutare a identificare se esiste una causa sottostante che può essere trattata. Possono anche prescrivere una terapia per gestire i sintomi dei terrori notturni.

Un medico o uno specialista del sonno potrebbe chiederti di mantenerlo un diario del sonno , che è una registrazione delle tue recenti abitudini di sonno e di come il sonno influisce sulla tua vita quotidiana. Possono chiedere informazioni a un compagno di letto o un familiare che può descrivere episodi di terrore notturno. Alcuni individui possono essere segnalati uno studio del sonno per valutare e diagnosticare ulteriormente i disturbi del sonno sottostanti / concomitanti.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non